Astigmatismo

L'astigmatismo è un difetto di refrazione in cui i raggi di luce non vengono messi a fuoco tutti nello stesso punto della retina, è per questo motivo l'occhio astigmatico non ha lo stesso potere refrattivo su tutti i meridiani della cornea.
La cornea normale piò essere paragonata ad una semisfera con un potere diottrico e una capacità di focalizzare i raggi luminosi identica in tutti i suoi punti, così da poter realizzare sul piano retinico una messa a fuoco completa. La stessa cosa non si verifica in caso di astigmatismo, in questo caso la cornea non è più paragonabile ad una semisfera ma bensì alla metà di un pallone da rugby, quindi con curvatura e potere diottrico diverso nei due meridiani principali. Questo si traduce nell'impossibilità di focalizzare tutta l'immagine sullo stesso piano, bensì su piani diversi. La conseguenza di tutto ciò Ë una scarsa visione sia da lontano sia da vicino. L'astigmatismo è fortemente invalidante, si calcola che in Italia sia colpito circa il 20% della popolazione.
In genere l'astigmatismo Ë un difetto congenito ( ciò è presente dalla nascita), ma in certi casi più essere la conseguenza di un trauma dell'occhio o di un intervento chirurgico (trapianto di cornea, intervento di cataratta) o di una malattia che insorge nella pubertà denominata cheratocono. Il sintomo principale di questo vizio di refrazione Ë la visione distorta delle immagini. Altri disturbi possono essere, oltre a una diminuzione della vista, mal di testa (specie nella zona della fronte), l'arrossamento degli occhi e anche una leggera difficoltà a tollerare la luce. L'astigmatismo spesso Ë associato alla miopia o all'ipermetropia, in questi casi Ë necessario utilizzare lenti che correggano entrambi i difetti.


Gestione della patologia