Congiuntivite

Per congiuntivite si intende un processo infiammatorio a carico della congiuntiva.

LE CAUSE DELLA CONGIUNTIVITE
La congiuntivite è dovuta all’azione di diversi fattori quali germi patogeni (batteri, virus, miceti e protozoi), sostanze con potere allergizzante ( polvere, farmaci ecc..) e sostanze tossiche ( acidi, basi ecc.).
 
Come si contrae: è sufficiente che l’occhio, e la congiuntiva, entrino in contatto con il germe o la sostanza responsabile. Questo avviene più frequentemente attraverso il contatto con le mani sporche, con la presenza nell’ambiente di una sostanza allergizzante, attraverso il contatto accidentale con sostanze tossiche; oppure semplicemente stando a contatto con una persona affetta la quale espelle il germe attraverso la saliva.
 
La classificazione avviene in base all’agente scatenante. Per tale motivo riconosceremo congiuntiviti batteriche, virali, da funghi, da protozoi, allergiche e da sostanze tossiche. All’interno dei vari gruppi vengono riconosciute ulteriori sottoclassi a seconda delle caratteristiche eziologiche e cliniche.
 
I sintomi e segni: La sintomatologia comune a tutti i tipi di congiuntivite è caratterizzata da edema palpebrale, bruciore, sensazione di corpo estraneo (..come la sabbia negli occhi..), lacrimazione ed arrossamento oculare. Tale arrossamento è caratteristico, in quanto è maggiore in prossimità della congiuntiva palpebrale e va diminuendo man mano che attraversa la congiuntiva bulbare, fino quasi a scomparire in prossimità del limbus. Tale tipo di arrossamento viene definito iperemia congiuntivale. Il visus può essere conservato, oppure ridotto, non tanto per alterazioni a carico dei mezzi diottrici, quanto per la presenza della lacrimazione. Accanto a questa sintomatologia generale, definita sintomatologia congiuntivale, si repertano diversi sintomi e segni caratteristici per i differenti tipi di congiuntivite.


Gestione della patologia